Dalla Camusso al vice Ministro Nencini, oltre a tutti i governatori del Sud e la Bandabardò: a Potenza oggi e domani la “Festa della Cgil”

11986587_678476638953644_8713134016896128623_nLa Festa della CGIL è divenuta, ormai, un appuntamento consolidato per la città di Potenza e per l’intera regione. Per il terzo anno consecutivo la CGIL torna in Piazza Don Bosco, a Potenza, nelle giornate del 5 e 6 settembrecon Susanna Camusso, con Riccardo Nencini, con i presidenti delle regioni del Mezzogiorno e con altri importanti protagonisti. La festa della CGIL quest’anno diventa un appuntamento nazionale sul Mezzogiorno, si colora di questa ambizione: tornare ad incontrare il Sud, riaprire il laboratorio del Mezzogiorno. Un laboratorio di questioni aperte e sfide globali, un laboratorio di regioni, una piattaforma di scambio e di diritti, riprendendo il filo di un discorso interrotto a partire da infrastrutture, turismo, innovazione, eccellenze, risorse umane, agenda digitale, investimenti, riforma costituzionale in vista degli snodi rappresentati dalle politiche energetiche del Paese e dalle nuove emergenze 11988487_678475918953716_2903727237776897330_ndi carattere ambientale. Questi i temi che saranno trattati nei dibattiti previsti nelle due giornate di lavori. Ma non è l’unica novità che connoterà la Festa CGIL 2015: il tema del Mezzogiorno sarà declinato anche attraverso un Laboratorio Urbano sull’Innovazione sociale (http://bit.ly/1T7weUv). All’interno della Piazza sarà, infatti, allestito uno spazio aperto a giovani innovatori che, attraverso un hackathon di 48 ore (una maratona di esperti informatici e di discipline varie in cui i partecipanti avranno un tempo di lavoro che coinciderà con la durata dell’evento stesso), avranno la possibilità di sviluppare un progetto sui temi della rigenerazione urbana e sul riuso dei luoghi, dell’intelligenza collettiva e della resilienza. Il prodotto progettuale di questo laboratorio sarà sottoposto ad un mentore esperto in finanziamenti europei per garantirne la concreta realizzazione. Una sfida, un modo alternativo per confrontarsi attraverso un approccio 11951751_678475512287090_6066145503163355423_ninclusivo e multidisciplinare, in cui lo spazio pubblico diventa il luogo dove tutti contribuiscono a costruire la propria comunità. In quest’ottica il Mezzogiorno diventa memoria collettiva all’interno di un cubo immersivo, che sarà allestito all’interno della piazza, dove le immagini diventano la forma e la sostanza di 70 anni di democrazia in Europa. La Festa sarà, infatti, anche l’occasione per presentare il Progetto “Memoria: 70 anni di democrazia in Europa” e ricordare quali sono i valori fondanti della nostra democrazia. Dunque, dibattiti, gastronomia, musica, mostre multimediali, animazione, questi gli ingredienti di una piazza piena di idee, che ritorna a vivere grazie alla straordinaria e diretta partecipazione delle persone, perché dal Sud si può fare un’Italia nuova, di opportunità, di reti, di lavoro nei diritti e nella legalità. (dal sito della Cgil Basilicata)

SABATO 5 SETTEMBRE
Ore 17.00 – Piazza Don Bosco: apertura 3^ festa Cgil Basilicata
Ore 17.30 – Presentazione del progetto “Memoria: 70 anni di democrazia in Europa”
Ore 18.30 – “Laboratorio Sud: reti, infrastrutture e innovazione” con la partecipazione del vice Ministro alle Infrastrutture e ai Trasporti Riccardo Nencini
Ore 21.00 – Show comico con il trio “La Ricotta”
Ore 22.00 – Concerto “The Bluebeaters” in Piazza Don Bosco

DOMENICA 6 SETTEMBRE
Ore 17.00 – “Laboratorio Sud: idee al lavoro”. Confronto con i presidenti delle regioni del Mezzogiorno. Parteciperanno: Marcello Pittella (presidente Regione Basilicata), Michele Emiliano (presidente Regione Puglia), Vincenzo De Luca (presidente Regione Campania), Mario Oliverio (presidente Regione Calabria), Luciano D’Alfonso (presidente Regione Abruzzo), Francesco Pagliaru (presidente Regione Sardegna). Con Susanna Camusso, segretario generale Cgil. Modera Antonio Polito, vice direttore del “Corriere della Sera”
Ore 21.30 – Bandabardò in concerto (Piazza Don Bosco)

 

 

1 commento

  1. Gaetano de Luca

    Commento alla riunione del 5 settembre a Potenza della CGL con ministri e governatori del Sud e la Bandabardò a per la “Festa della Cgil”. A mio giudizio nipote ormai vecchio di famiglia sassese impedito da sempre per la lontananza di venire a conoscere i sassi dei propri vecchi, che vive da sempre lontano perchè i chilometri dividono e non uniscono spinto anche dalla considerazione semplice che i prodotti della Lucania che vanno lontano siano un bene che non può essere conosciuto nella sua realtà perchè è impossibile farlo conoscere perchè oltretutto è costoso FARE CONOSCERE PER L’ASSENZA DI VIE DI COMUNICAZIONI che DOVREBBERO TROVARSI COSI COME sono a UDINE PER IL FRIULI, punto di partenza da UN CENTRO da UNA PIAZZA da cui PARTONO a 360 GRADI, AUTOSTRADE O STRADE DI TIPO FRIULANO CHE ACCORCINO LE DISTANZE TRA SASSO DI CASTALDA E POTENZA E LE REGIONI OLTRALPE…. NON è POSSIBILE TROVARE FRUTTA CHE VIENE DA REGIONI PIÙ VICINE DELLA LUCANIA MIGLIORE DELLE FRAGOLE E Oggett: commento per la riunione del 5 settembre 2015 a Potenza, Eventi Bandabardò , basilicata , Camusso , cgil , Nencini , potenzaPESCHE CHE PROVENGONO “PER NECESSITÅ DI TRASPORTO “RACCOLTE IN LUCANIA ACERBE E IMMANGIABILI….” OCCORRONO STRADE CHE PERMETTANO FACILE E RAPIDA PERCORRIBILITÅ DA MATERA E DA POTENZA a PASSO DI MONTECROCE CARNICO e a TARVISIO… PORTEREBBERO TUTTO L’ANNO PIOGGIA BENEFICA DI EURO DALL’EUROPA CENTRALE AI SASSI DI CASTALDA che forse si rammorbidirebbero….
    FATE BUCHI NELLE ALPI LUCANE… COSTRUIRE STRADE DIRITTE IN GALLERIA come hanno fatto qui con la nuova linea fessoviaria Carnia Tarvisio. CERTAMENTE SAREBBE CREARE BENESSERE AI NIPOTI LUCANI…..LUCANI…..LUCANI, PER NIENTE BASILICATANI…SCUSATE IL PENSIERO DI UN VECCHIO LUCANO CHE IN REGIONE DEL FRIULI SI È DISTINTO COME PRESIDENTE DELLA SOCIETÅ ITALIABA DI PEDIATRIA ma ha il cuore legato alla piazzetta che mio padre in ogni stagione al mattino presto portato per mano dalla nonna attraversava per ringraziare l’Immacolata del regalo di una notte serena.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *