Regione, nomina nuovi dirigenti. Polese: “Verso la rivoluzione che intendiamo portare avanti”

polese“La nomina dei nuovi dirigenti, con ben due under 45, si colloca nel cammino di vera rivoluzione e del cambio di verso che il nostro Presidente regionale, Marcello Pittella, intende portare avanti”. Ad affermarlo è il Consigliere regionale Pd, Mario Polese (nella foto a sinistra) “La volontà di dare spazi e opportunità ai giovani, peraltro, sarà uno dei punti fermi di questa X Legislatura e del mio impegno istituzionale”. “Nella giornata di ieri infatti, ho incontrato e avviato un primo tavolo di confronto coi rappresentanti delle diverse categorie di giovani professionisti lucani per studiare un blocco di proposte regionali volte al superamento delle difficoltà del loro inserimento”. Una scelta di proposta programmatica e di trasparenza del metodo di drafting legislativo. Nel dettaglio si è discusso con i presenti su come creare un sistema di incentivi destinati  all’avviamento  dell’attività di studi associati multidisciplinari e settoriali con Marcello Pittellacompetenze specifiche per la progettazione comunitaria, tanto sui fondi diretti quanto sugli strutturali. Nel corso della riunione si è discusso anche di una formazione mirata e finanziata, solo nei settori effettivamente corrispondenti alle richieste occupazionali. “Intendo confrontarmi – ha spiegato Polese – con chi, per professione, lavora quotidianamente sul territorio e conosce le sue problematiche e nello stesso tempo ha grandi difficoltà nell’inserimento lavorativo”. Durante il tavolo tecnico il Consigliere ha rinnovato il suo fermo impegno nella volontà di introdurre nella P.A. la rotazione totale delle consulenze pubbliche con riserva di quota per gli under 40. “Questo momento di confronto è stato soltanto il primo a cui seguiranno degli altri – ha infine sottolineato Polese – perché credo nel valore della partecipazione dal basso mirando a ricreare il legame tra esigenze dei cittadini e le azioni che la Regione può mettere in campo”.

1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *