Potentino, il sindaco di Acerenza: “Deriso e aggredito verbalmente per aver ricordato ad alcuni giovani di rispettare le regole”

Deriso e aggredito verbalmente per aver ricordato ad alcuni giovani di evitare assembramenti e di utilizzare la mascherina. E’ capitato al sindaco di Acerenza, centro del Potentino, Fernando Scattone, nella serata di sabato. Il sindaco, con educazione e in maniera confidenziale, si è recato in un locale per ritirare delle pizze da asporto, ed ha notato alcune scene (assembramenti e giovani senza mascherina) da evitare in questo periodo di emergenza sanitaria. Da ‘padre di famiglia’, ha richiamato i ragazzi, ricevendo, in cambio, brutte parole.

Questo il racconto del sindaco Scattone: “Premetto che non è mia abitudine scrivere di questi post ma ho deciso di farlo solo per dovere di cronaca e per evitare che qualcuno ci ricami intorno. Ieri sera mi sono recato da libero cittadino ad acquistare due pizze da asporto e ho notato diversi giovani assembrati e senza mascherina. All’uscita dal locale ho ricordato, tra l’altro in modo confidenziale ad alcuni di loro di utilizzare la mascherina ma sono stato deriso e aggredito verbalmente. Credo che non sia una situazione semplice per nessuno, tutti abbiamo bisogno di ritornare quanto prima alla normalità ma quello che non accetto è l’irriverenza e la maleducazione. Non è la prima volta che succede e forse non sarà l’ultima ma vorrei ricordare che, ho scelto di fare il sindaco, di lavorare per la mia comunità ma non sono certo disponibile a ricevere insulti. Non sono assolutamente preoccupato per la mia persona perché so difendermi e non ho certo timore di qualche bullo che circola. Faccio il sindaco e non l’educatore e ho messo in conto di non essere simpatico a tutti ma l’invito che faccio è di collegare sempre la lingua al cervello quando si parla o quando si scrive sui social, soprattutto a chi, impropriamente nelle piazze o locali pubblici è sempre pronto a strumentalizzare tutto e tutti anche in questo momento di crisi sanitaria ed economica. Ovviamente nessun riferimento al gestore del locale di ieri sera che è addirittura ignaro e non ha nessuna responsabilità su quanto accaduto”.

Claudio Buono

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *