Tito, fuochi pirotecnici e botti scaduti e pericolosi in un negozio cinese. Sequestro della Polizia e denuncia per due persone

Nella serata di ieri, nel corso dei servizi disposti dal Questore di Potenza in occasione delle prossime festività di fine anno, finalizzati a verificare la corretta osservanza delle norme per la detenzione e vendita di artifici pirotecnici, personale della Squadra Amministrativa della Divisione Polizia Amministrativa e Sociale della Questura di Potenza e del Reparto Prevenzione Crimine Basilicata, all’esito di un controllo effettuato presso un esercizio commerciale sito in Tito e gestito da cittadini di origine della Repubblica Popolare Cinese,  ha proceduto al sequestro di circa 30 kg di manufatti pirici. Il materiale esplodente, sottoposto a sequestro, rientrante nella categoria di libera vendita, e sistemato su scaffali a disposizione degli avventori, era tutto scaduto di validità già da tempo e quindi estremamente pericoloso per l’incolumità degli acquirenti in quanto poteva, in occasione dell’utilizzo, provocare incidenti e danni alle persone a causa di un loro potenziale malfunzionamento. Il titolare dell’esercizio e l’addetto alle vendite, sono stati segnalati in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Potenza, mentre il materiale esplodente sottoposto a sequestro, dopo le valutazioni dell’Autorità Giudiziaria, sarà distrutto secondo le norme di sicurezza, da personale Artificiere della Polizia di Stato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *