Sostegno alle famiglie in difficoltà. A Vietri di Potenza il Comune realizza un’apposita banconota per l’emergenza

Banconote appositamente coniate per l’emergenza coronavirus, con tagli da 5 e 10 euro, da destinare ai nuclei familiari che ne fanno richiesta, da un minimo di 200 euro ad un massimo di 800. E’ questo quanto ideato e realizzato dall’amministrazione comunale di Vietri di Potenza, nell’ambito dell’avviso pubblico per la concessione di benefici per affrontare l’emergenza coronavirus, a seguito della ordinanza del Capo della Protezione Civile e dal Fondo Social Card Covid-19 della Regione Basilicata.

“Abbiamo pensato che in questo momento fosse necessario mettere a disposizione della comunità uno strumento facile da utilizzare e allo stesso tempo capace di garantire trasparenza e tracciabilità. Sono davvero soddisfatto e orgoglioso di tutti coloro che a Vietri di Potenza si stanno adoperando nell’ambito dell’emergenza”, ha dichiarato il sindaco, avv. Christian Giordano. La banconota riporta una veduta di Vietri di Potenza avvolta dall’arcobaleno e dall’hashtag #andratuttobene. E’ stata già annunciata alla comunità lo scorso 1 aprile, con la pubblicazione sulla Pagina Facebook dell’Ente.

A Vietri da qualche giorno si può già presentare la domanda. Tutte le modalità sono riportate nella home page del sito istituzionale, www.comune.vietridipotenza.pz.it. Sarà data priorità a tutti coloro non già assegnatari di altre forme di sostegno pubblico. Gli importi variano da € 200,00 (nucleo familiare composto da 1 persona) fino a € 800 (nuclei composti da 5 o più persone). I buoni spesa sono utilizzabili presso i commercianti che avranno aderito. A tal proposito, il Comune ha già pubblicato un avviso di manifestazione di interesse riservato ai commercianti ed alle attività sul territorio (appena disponibile, verrà pubblicato l’elenco delle attività sul sito istituzionale dell’Ente). I richiedenti del contributo, potranno scegliere –nella domanda- se ricevere buoni spesa o richiedere il pagamento di utenze domestiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *