Dietrofront della Regione Basilicata. Quarantena solo per gli studenti, ecco i chiarimenti del governatore Bardi e la nuova ordinanza

“Questo è un primo provvedimento che è scaturito dalla necessità di fare flusso tra gli studenti che rientrano in Basilicata. Sono indicazioni rivolte esclusivamente agli studenti residenti in Basilicata che si trovano nelle regioni indicate e che devono rientrare qui in terra lucana. In Basilicata può entrare chiunque, quindi voglio precisare che è riferita solo agli studenti l’ordinanza”. Sono queste le dichiarazioni di Vito Bardi, presidente della Regione Basilicata, a margine del Comitato Provinciale per l’Ordine puibblico e la Sicurezza, iniziato questa mattina alle ore 10.30 e conclusosi alle 13.30. Un chiarimento rispetto all’ordinanza che, da come si legge, parlava di “quarantena per tutti i lucani che rientreranno in Basilicata dalle cinque regioni del nord”. Un vero e proprio caos quello che si è generato, con tanti sindaci che hanno già disposto, in mattinata, ordinanze di quarantene anche per lavoratori che sono rientrati dal nord in Basilicata. Adesso, un vero e proprio dietrofront. Quindi l’ordinanza (disponibile cliccando qui) è rivolta solo ed esclusivamente agli studenti lucani che faranno o che hanno fatto rientro dalle regioni Piemonte, Liguria, Veneto, Emilia Romagna e Liguria. Una ordinanza che avrebbe interessato anche lo stesso governatore Bardi, che lo scorso 11 febbraio era a Milano per una iniziativa sul turismo. In attesa di una ordinanza che chiarisca bene il tutto, di seguito le dichiarazioni rilasciate dal governatore Vito Bardi nel servizio di Ufficio Stampa Basilicata. 

AGGIORNAMENTO: Poco fa il governatore Bardi ha firmato l’ordinanza che interessa solo gli studenti (in calce all’articolo)

Claudio Buono

2 comments

  1. Giovanna iannuzziello

    Gli studenti possono essere positivi al coronavirus, chi lavora magari con pubblico a rischio tipo bar, ristoranti no, non possono essere portatori. Ma che ordinanza e’ questa?

Rispondi a Aniello Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *