Ruba un portafoglio dalla borsa di una donna. La figlia la blocca: arrestata donna potentina a Cassino

POTENZA – È detenuta nel carcere romano di Rebibbia la settantunenne potentina arrestata a Cassino dopo avere rubato un portafoglio a una donna. Il tutto è avvenuto durante il mercato settimanale che si tiene nella cittadina laziale ma è stata beccata sul fatto ed arrestata dai carabinieri. La settantunenne, coniugata, bracciante agricola (già nota per analoghe vicende penali) è stata colta in flagranza di reato ed arrestata grazie alla prontezza della figlia della vittima. La “ladra mancata”, infatti, dopo aver asportato dalla borsa di una donna, distratta perché in quel momento era impegnata in una conversazione telefonica, il portafoglio, è stata prima notata e poi fermata dalla figlia della vittima che è riuscita, dopo una breve colluttazione, a recuperare il portafogli della madre. Una volta scoperta, l’anziana malfattrice, per assicurarsi la fuga, ha violentemente reagito contro madre e figlia e anche contro una terza donna intervenuta in aiuto delle due malcapitate. La scena, fortunatamente, è stata notata dai carabinieri in servizio nella zona per prevenire e reprimere questo tipo di reati, che sono intervenuti ed hanno arrestato la donna con l’accusa di rapina impropria. Dopo le formalità di rito, l’arrestata è stata associata nella Casa circondariale di Roma Rebibbia Sezione Femminile, così come disposto dall’autorità giudiziaria. Nei suoi confronti, è stata inoltrata la richiesta del rimpatrio con foglio di via obbligatorio con divieto di far ritorno nel comune di Cassino.per prevenire e reprimere questo tipo di reati, che sono intervenuti ed hanno arrestato la donna con l’accusa di rapina impropria. Dopo le formalità di rito, l’arrestata è stata associata nella Casa circondariale di Roma Rebibbia Sezione Femminile, così come disposto dall’autorità giudiziaria. Nei suoi confronti, è stata inoltrata la richiesta del rimpatrio con foglio di via obbligatorio con divieto di far ritorno nel Comune di Cassino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *