Controlli straordinari dei carabinieri nel potentino. Sequestro di alimenti a Maratea, denunce a Potenza, Lagonegro e Rionero in Vulture

I Carabinieri delle Compagnie di Lagonegro, Melfi e Potenza, attraverso i Nuclei Operativi e Radiomobili e le dipendenti Stazioni, capillarmente distribuite su tutto il territorio di competenza, hanno eseguito una serie di servizi di controllo straordinario del territorio, disposti dal Comando Provinciale di Potenza, finalizzati ad accertare violazioni al codice della strada, in materia di armi, sostanze stupefacenti e, nell’ambito dei mirati servizi disposti in campo nazionale sul tema “Estate tranquilla 2019”, l’eventuale impiego di lavoratori “in nero” ed infrazioni di carattere amministrativo. In tale contesto, in alcuni comuni potentini, in ragione delle diverse violazioni accertate, i Carabinieri hanno deferito alle competenti Autorità Giudiziarie a Lagonegro le seguenti persone: un 47enne della provincia di Cosenza il quale è stato trovato alla guida della sua autovettura in evidente stato di alterazione psicofisica, dovuta all’assunzione di sostanze stupefacenti. All’uomo, che ha rifiutato di sottoporsi agli accertamenti presso strutture sanitarie, sono stati ritirati i documenti di guida e l’autovettura è stata sottoposta a sequestro amministrativo; un 40enne della provincia di Napoli che, sottoposto a perquisizione personale e veicolare, è stato trovato in possesso di una mazza in legno lunga circa 50 cm, senza giustificato motivo. L’arma impropria è stata sottoposta a sequestro.        

Nel corso della stessa attività sono stati segnalati alla Prefettura competente tre persone di età compresa fra i 24 ed i 41 anni che, a seguito di perquisizione personale e veicolare, sono stati trovati in possesso di cocaina, hashish e marijuana, per complessivi 4 grammi circa. La droga è stata sottoposta a sequestro. A Maratea, invece, i Carabinieri del locale Comando Arma unitamente a quelli del NAS di Potenza hanno ispezionato due attività di ristorazione, riscontrando non solo alcune carenze igienico sanitarie ma anche sequestrando amministrativamente 80 chilogrammi di alimenti di origine animale e non, perché privi di elementi di tracciabilità e rintracciabilità. Sempre a Maratea i Carabinieri, unitamente a quelli del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Potenza e al personale dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Maratea, hanno ispezionato due stabilimenti balneari ove, in uno di essi, è stata riscontrata l’attivazione di un locale adibito a deposito bibite non comunicato, per la registrazione all’A.S.P., motivo per il quale è stata disposta l’immediata sospensione dell’attività. Presso il secondo stabilimento sono state riscontrate carenze igienico sanitarie e la mancata attuazione delle procedure di autocontrollo ed elevate sanzioni amministrative per un importo di 3.000,00 Euro.  A Potenza, invece, i Carabinieri hanno deferito in stato di libertà un 27enne del luogo che, all’esito dei controlli sui soggetti sottoposti a misure di prevenzione e sicurezza, non è stato trovato all’interno della propria abitazione, in netta violazione del provvedimento cui era sottoposto. A Rionero in Vulture, i Carabinieri della locale Stazione, hanno tratto in arresto, in esecuzione di provvedimento di carcerazione emesso dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Potenza, un 66enne originario del luogo che dovrà espiare 4 anni di reclusione perché responsabile di violenza sessuale continuata. L’attività operativa in argomento rientra fra i vari servizi d’istituto assicurati dall’Arma dei Carabinieri attraverso le varie specialità ed i suoi presidi territoriali rappresentati dalle Stazioni che contribuiscono a garantire l’ordine e la sicurezza pubblica, anche con l’approssimarsi della stagione estiva, allorquando è maggiore l’afflusso di persone lungo le strade e nelle località turistiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *