Nel potentino, carabiniere suicida il giorno della festa dell’Arma

«Ho appreso con profondo dolore che oggi si è tolto la vita l’appuntato scelto G.M., in servizio presso la stazione forestale di Parco Chiaromonte (Potenza) per motivi che ancora non conosciamo. Siamo vicini alla famiglia. Fin dall’inizio del mio mandato ho chiesto un impegno forte per prevenire il fenomeno suicidiario dell’Arma. Serve un approccio culturale diverso e confido nella volontà di essere pronti a cambiamenti organizzativi». A dare notizie del suicidio di un carabiniere forestale in una caserma nel potentino è stato il ministro della Difesa Elisabetta Trenta, durante il suo intervento alla celebrazione del 205° anniversario della fondazione dei carabinieri, nella caserma di Tor di Quinto a Roma. Secondo quanto riportato da basilicatanotizie.net, il carabiniere forestale si è tolto la vita sparandosi un colpo di pistola seduto su una panchina nei pressi della sua abitazione nel centro storico di Chiaromonte. 48 anni, lascia moglie e due figli. In paese era molto conosciuto e stimato per la sua gentilezza e i modi di fare con tutti. 

redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *