Dal CSI di Potenza una raccolta di indumenti per Haiti

Qualche mese fa, avevamo raccontato del viaggio di Giuseppe Berillo e Pierluigi Santoro, due giovani potentini che la scorsa estate hanno trascorso 20 giorni ad Haiti per un progetto di volontariato sportivo del “CSI per il mondo”. Un’esperienza che ha rappresentato per loro un motivo di grande crescita personale, in cui si sono rapportati con bambini e ragazzi di un paese molto povero, sconvolto anni fa da un terribile terremoto, a cui viene negato anche un bicchiere d’acqua e dove si vive senza regole. Si tratta di bambini e ragazzi a cui manca una guida, che hanno bisogno di affetto perché il concetto di famiglia è ben lontano dal nostro vivere quotidiano: vengono lasciati liberi, a 4-5 anni sono molto più grandi e maturi, non hanno nulla e devono trovare qualcosa per sopravvivere. Giuseppe e Pierluigi avevano raccontato di aver portato con se all’inizio dell’esperienza, un bagaglio a mano di circa 7 kg a testa con poche cose, due maglie, due pantaloni e l’intimo, ma al ritorno di essere tornati più leggeri, perché lasciarono lì ogni cosa, a partire proprio dai vestiti, e avevano fatto un nodo con la promessa di organizzare una grande una raccolta di indumenti e calzature da poter mandare ai bambini haitiani. È per questo motivo che per tutto il mese di giugno si terrà una raccolta di vestiti e scarpe, in particolare abbigliamento e calzature sportivi, che poi verrà spedita ai ragazzi dell’America latina. La raccolta avverrà in due modalità: si possono contattare direttamente i due ragazzi ai seguenti numeri Giuseppe Berillo  3469460088 / Pierluigi Santoro 3347303776, oppure ogni mercoledì di Giugno dalle 14 alle 15, presso la sede del CSI Potenza nel Parco Baden Powell, dove ci sarà un addetto al ritiro dei vestiti. Una raccolta di indumenti a favore di persone che vivono in una condizione svantaggiata è un gesto straordinario che richiama l’importanza di vivere nella normalità, è un gesto di solidarietà che deve rientrare nella nostra quotidianità fatta spesso di abbondanza e cose superflue.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *