Ruoti, oggi la pubblicazione del calendario ruotese 2019. Le protagoniste sono le “Signorine di una volta”

È un calendario tutto al femminile, anzi dedicato alle signorine di una volta, oggi quasi tutte nonne, quello proposto da Recupero Tradizioni Ruotesi per l’anno 2019: una carrellata di fotografie che attraverso l’abbigliamento femminile, testimonia l’evoluzione di una piccola comunità che si adatta ai cambiamenti proposti dalla società. E, si, perché l’abbigliamento è esso stesso una forma di linguaggio con il quale si possono veicolare informazioni sulla personalità, sullo status sociale, sulla religione di appartenenza. L’abbigliamento è stato uno dei tanti mezzi usati dalle suffragette per perorare l’emancipazione femminile, ed oggi, è uno strumento per la rivendicazione di talune libertà nello spazio pubblico. Insomma questo calendario offre la possibilità di “vedere”. Non mancano spazi dedicati ai riferimenti storici, al lessico dialettale, ai proverbi, è un almanacco intriso di memoria e tradizioni. Hanno scritto i ricordi di vita vissuta: Rosa Gioioso, ricorda con molto piacere la madre, che andava farle visita durante i suoi studi a Salerno in abito tradizionale ruotese negli anni 50”; Maria Imbrenda, ricorda un aneddoto molto simpatico con Zia Rosina Salinardi Runatone; Giovanna De Carlo racconta le difficoltà da ragazza durante la sua infanzia in paese. Un appuntamento che si ripete da ben diciannove anni e che regala sorrisi nostalgici per i tempi andati e, sorrisi stupiti per chi quei tempi non li ha conosciuti. Hanno collaborato alla realizzazione del calendario ruotese 2019, prefazione calendario Giuseppina Paterna, modi di dire Ruotesi Maria Pina De Carlo, impaginazione e progetto grafico Flavia Pizzuti, Enzina Troiano, Maria Troiano, Felice Faraone, grafica copertina Enrico Bochicchio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *