Potenza, controlli anti-prostituzione dei Carabinieri: sanzioni per 4 prostitute e 3 clienti

All’indomani dell’emissione del rinnovo dell’ordinanza anti-prostituzione del Comune di Potenza, valevole dal 15 luglio 2018 al 31 marzo 2019, i Carabinieri della Compagnia di Potenza, con il costante controllo del territorio, hanno dato l’ennesima risposta, testimoniando che l’attenzione al problema, molto sentito dalla popolazione, non è mai calata. Difatti, in relazione alla specifica ordinanza comunale, i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile effettuavano mirati servizi deputati al controllo ed al contrasto del fenomeno della prostituzione sulla pubblica via, contestando sette sanzioni amministrative, per un totale ammontante ad euro 1750,00 nei confronti di 4 prostitute e 3 clienti, colti in atteggiamenti e comportamenti idonei ad adescare ed esercitare l’attività del meretricio nella zona industriale di Potenza. Continueranno i controlli.  

1 commento

  1. Affermo che, anche con le nuove disposizioni legislative, le Ordinanze Sindacali ed i Regolamenti di Polizia Urbana devono essere conformi ai principi generali dell’Ordinamento, secondo i quali la prostituzione su strada non può essere vietata in maniera vasta ed indeterminata. Di conseguenza, i relativi verbali di contravvenzione possono essere impugnati in un ricorso. In più per le medesime ragioni, i primi provvedimenti suddetti non possono essere emessi per problematiche permanenti ed i secondi non possono riguardare materie di sicurezza e/o ordine pubblico.
    P.S. I relativi soggetti possono essere sanzionati per evasione fiscale, anche per le tasse locali (art. 36 comma 34bis Legge 248/2006, come chiarificato dalla Cassazione con la Sentenza n. 10578/2011).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *