Il Gal Marmo Melandro dopo l’incontro al presidio della Ruralità: “Dalle Giuggiole dati positivi”

downloadfile-31Quello dei giorni scorsi, tenutosi presso il presidio permanente della Ruralità  “Le Giuggiole” di Tito Scalo è stato un incontro “operativo”, della rete della ruralità, partecipato ed importante per amministratori, produttori ed associazioni dell’area. Presenti i Sindaci di Sant’Angelo Le Fratte, Savoia di Lucania, Satriano di Lucania, Sasso di Castalda, Castel grande,  il vice-sindaco di Tito ed altri amministratori. Vari  ed interessati produttori agricoli  del territorio, associazioni e artigiani.  A relazionare durante l’incontro il presidente del Gal Marmo Melandro, Michele Miglionico, il direttore del Gal Marmo Melandro Nicola Manfredelli e Giovanni Samela del consorzio  turistico  LeVante oltre che responsabile  del laboratorio  dimostrativo. I relatori hanno sottolineato  ed illustrato  lo stato  di attuazione  del  progetto e le opportunità che esso  genera  sul territorio.  Miglionico ha marcato l’importanza del progetto ed ha sottolineato  che la piena riuscita dello stesso passa anche attraverso la sensibilità e la partecipazione delle istituzioni locali che devono10896890_1384139671887231_7428343757127866133_n fungere da sensibilizzatori dei  propri produttori facendo cogliere la grande occasione che il presidio offre. Lo stesso  presidente ha ancora sottolineato i dati positivi di nuova occupazione creata già nei primi mesi  di attività.  Il Direttore Manfredelli si è soffermato molto nello spiegare ai presenti dettagliatamente il progetto, ponendo particolare attenzione sull’alimentazione e la bontà  dei prodotti; Manfredelli ha marcato l’importanza dell’intero presidio e la sua originalità che rende unico il progetto per la Basilicata  e non solo.  Samela come responsabile del laboratorio specifico ha dettagliatamente illustrato la missione ed ha riportato  ai presenti i primi  risultati in merito alla commercializzazione e l’utilizzo dei prodotti  dell’area che a solo pochi mesi dall’avvio fa già registrare segnali  positivi  ed  invitanti; Lo stesso ha poi invitato  ai produttori e gli artigiani presenti ad arricchire l’offerta allestendo uno stand presso “Le Giuggiole”, con propri  prodotti, fatto salvo che siano  tracciabili, del territorio e di grande qualità. Son già molti sono i prodotti dell’area che si possono trovare presso il laboratorio dimostrativo  de “Le Giuggiole”, sito al piano terra del Multicinema Raniero di Tito Scalo. “Non chiedete ciò che non è lucano –ha sottolineato Miglionico, che ha aggiunto- La coca cola? No, alle giuggiole no. Al massimo una Gassosa, Avena”.

 

1 commento

  1. Freddy

    Non ho capito perchè la regione apre il ristorante, a chi deve fare concorrenza se non lavora più nessuno!

Rispondi a Freddy Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *