Card Idrocarburi, tutto ciò che c’è da sapere: in arrivo altre ricariche. Poi il bonus sarà sostituito dalla “Social Card”

card-idrocarburiPOTENZA – Nessun comunicato ufficiale del Ministero, nessun annuncio di qualche politico. E nemmeno indiscrezioni seppur ufficiose. In maniera inattesa, e con molta sorpresa (visto che ormai in tanti non ci credevano più) decine di migliaia di lucani hanno ricevuto, ed altri le stanno ricevendo, le ricariche sulla “Card Idrocarburi”. Si tratta di ricariche da tre diversi tagli: la minima da 30 €, la media da 77,80 € e la più alta da 154,80.  Erogate in base al reddito del cittadino. E nei prossimi mesi (forse già da marzo) prenderanno al via le operazioni per le altre ricariche. Buone notizie quindi per i lucani, che dopo una lunga attesa (di ben due anni dall’ultima) stanno ricevendo la ricarica che riguarda il bonus idrocarburi. Quest’ultima ricarica è la terza, e riguarda il fondo del 2011. Infatti la prima (di 100,70 €, relativa al fondo del 2009) è stata ricevuta il 31-01-2012, la seconda  (di 140,25 €, relativa al fondo del 2010) il 17-01-2013 e per la terza le operazioni sono iniziate lunedì mattina, e proseguiranno per tutta la settimana, visto che la platea dei beneficiari è molto ampia: ben 334.000 i lucani interessati da questa terza ricarica. Ma vediamo i numeri: l’importo del fondo costituito per le produzioni del 2011, per la Basilicata, è di oltre 48 milioni di euro (il 66,7 % del fondo nazionale, pari a 79 milioni di euro). In queste operazioni rientrano anche altri 4,4 milioni di euro, che riguardano i mancati accrediti da 140,25 €, che diverse migliaia di lucani, per vari problemi, non hanno ricevuto due anni fa e che, dopo i reclami, stanno ricevendo insieme alla terza ricarica, quest’ultima. Circa il 90 % dei lucani riceveranno la ricarica da 154,80 €, il 9 % riceverà 77,80 € e solamente l’1 % la ricarica minima di 30 €. Il tutto per le modalità indicate dal Ministero dello Sviluppo Economico, in base agli ultimi accordi tra il governo regionale e il Ministro Federica Guidi. Quindi per l’annualità 2011 i lucani stanno incassando in base al reddito, 154,80 € per i redditi fino a 28 mila €, 77.80 € per i redditi da 28 a 75 mila € e 30 € per i redditi oltre i 75 mila €. Ma a quanto pare i lucani dovrebbero ricevere altre due ricariche, relative alle annualità 2012 e 2013. Poi, dal fondo del 2014, (presumibilmente dal 2016) la Card Idrocarburi lascerà spazio alla “Social Card”, destinata ai territori dove si estraggono idrocarburi, finanziata con le royalties. La card è prevista in un emendamento contenuto all’interno del decreto Sblocca Italia, presentato da tempo dai deputati lucani Roberto Speranza, Maria Antezza e Vincenzo Folino, poi approvato in commissione Ambiente alla Camera. 

NEL CORSO DEL 2015 SARANNO CORRISPOSTE ALTRE RICARICHE
Ai lucani però per quanto riguarda il Bonus Idrocarburi, oltre alla ricarica in corso, spetta un’altra ricarica a breve. E’ quella che riguarda il fondo costituito per le produzioni del 2012. Si tratta di ripartire tra 340mila lucani la somma di 72 milioni di euro (l’82,28 % del fondoimages nazionale, pari ad oltre 93 milioni di euro). I fondi sono già impegnati, quindi non dovrebbero esserci stravolgimenti. Sarà la quarta ricarica, e dovrebbe essere erogata tra marzo ed agosto. Ma quanto riceveranno i lucani? Sempre in base al reddito, la ricarica più alta sarà di 221 € (per i redditi fino a 28 mila €), la media di 109 € (per i redditi da 28 a 75 mila €) e la più bassa di 30 € (per i redditi oltre 75 mila €). Quindi, si presume, saranno rispettati gli accordi siglati tra il Governo regionale e quello nazionale, con l’incontro dello scorso anno tra Pittella e il ministro Guidi, quando si concordò che con queste due ricariche, i lucani per le annualità 2011 e 2012 incasseranno (sempre in base ai redditi) 60, 187 e 376 €. Poi il bonus Idrocarburi diventerà quasi certamente “Social Card”: un bonus di 450 euro al mese spendibile negli esercizi commerciali, per le fasce più deboli. 

CONTROLLO SALDO ED UTILIZZO DELLA CARTA
Ieri migliaia di cittadini lucani hanno controllato il saldo sulla carta, per avere notizia dell’accredito. Per sapere se la ricarica è arrivata o meno, basta cliccare sul sito di Poste Italiane (bisogna essere iscritti al portale), inserire il numero della carta e visualizzare il saldo. In alternativa basterà recarsi presso uno sportello Postamat, inserendo carta e codice segreto, per poi cliccare su “Saldo”. Vi ricordiamo che non è possibile prelevare contanti, così come non è possibile ricaricarla. La carta può essere utilizzata solo per l’acquisto di carburanti (benzina, gasolio, gpl e metano) presso i distributori abilitati al circuito Mastercard. L’utilizzo è gratuito (non si paga alcuna commissione). Mentre in caso di Carta smagnetizzata o difettosa, smarrimento carta o del codice pin, bisognerà rivolgersi presso gli uffici postali.

Testi in pagina a cura di @BuonoClaudio
©RIPRODUZIONE RISERVATA©

45 comments

  1. anna

    Uno nn siamo ignoranti forse lo è lei che nn ha letto ke notizie sulla basilicata sul petrolio che stanni estraendo e vendendo provocando disagi e malattie e sopratutto il cisto del carburante da noi è molto alto rispetto a tutte le altre regioni. Parlate se sapete nn per far prendere aria ai polmoni

  2. Giovanni Lancellotti

    SOPRAVVIVE CHI SI ADATTA?
    Denaro…il Dio denaro!
    Sottomessi alle sue leggi…impotenti e costretti ad accettare la vita che ci offre/offrono non quella che vogliamo vivere.
    Non è cultura, non è ricerca della felicità è solo brutale sopravvivenza!
    ADATTARSI PER NON “MORIRE”?

  3. licia

    Se vuole potrei spedirle qualche libro.. così mettiamo a tacere l’ ignoranza, quella vera, non quella del SUD!
    Cordiali SALUTI

  4. Rosita

    Cara signora Carla da Venezia, il suo commento inappropriato, fa capire chiaramente quanto lei sia poco informata, forse si limita a leggere solo libri scolastici? Evidentemente si accontenta di avere un bagaglio culturale molto limitato, non basta leggere solo libri, dovrebbe sapere che bisogna informarsi di tutto quello che succede ogni giorno e quello le garantisco non lo trova nei libri! Prima di commentare un articolo dovrebbe prima capirne il contenuto, altrimenti fa una brutta figura, o forse le basta infierire contro il popolo lucano solo perché lei vive nel triste nord? Comunque noi lucani non solo possiamo insegnarle a leggere noi le insegnamo a vivere!

  5. mimmo

    Buongiorno a tutti, vorrei solo aggiungere qualcosa rispondendo in maniera decisa……. invece di battibeccare per l’elemosina che ci hanno concesso, con tutte le malattie che aumentano giorno per giorno, non pensiamo seriamente da NORD a SUD, a buttare fuori dai palazzi di governo quei personaggi (se così li vogliamo chiamare) che ci stanno rubando, oltre che ai soldi, anche la ns dignità di essere italiani……iniziamo a muoverci perchè tra breve prenderemo noi i barconi ed andare a trovare fortuna all’estero. Quello che la BCE stà facendo è quello di farci indebitare ancora di più…… non lo capite che stiamo muorendo di fame e “Loro” non fanno altro che aumentarsi le pensioni e le pensioni per loro e le loro 7me generazioni. Scusate per il commento ma sinceramente inizio a VERGOGNARMI di essere italiano, non riesco nemmeno a guardare in faccia i miei figli quando mi chiedono di comprargli qualcosa……….. scusate ancora.

  6. Giuseppe

    Come al solito basta buttare una manciata di euro a chi non ha molto e si scatena la ” lotta fra poveri ” che i nostri politici vogliono ed oggi più che mai torna attuale il vecchio adagio ” divide et impera ” dei nostri padri! Commenti scherzosi a parte, visto che c’è poco da scherzare, sarebbe ora di svegliarsi e dare un segnale forte al governo locale, che ci ha venduti, ed a quello centrale che gestisce ii maniera scellerata le nostre ricchezze naturali.

  7. Antonella

    Carla da Venezia,lavati la faccia che stai delirando,sei un’emerita ignorante,vieni quaggiù a prendere inizialmente lezioni di educazione e poi Man mano passiamo ad altro,in cosa sei laureata in Topolinologia,?stupida

  8. Donato

    Cara Carla tu che dici che siamo ignoranti ……Ricorda che dicono che Venezia sarà nei anni successivi sommersa,sommersa sommersa,e poi capirete tutti voi del nord cosa significa essere razzisti,quando vi troverete d’avanti a persone che sono disposte a darvi una mano in ogni istante perché purtroppo noi del sud siamo fatti così,aiutiamo d’avanti a gravi danni della natura ..spero tantissimo che i vostri figli non prendono esempio da voi perché non siamo KOREA DEL NORD È KOREA DEL SUD dobbiamo ringraziare ogni istante quando ci alziamo e quando parliamo siamo tutti UMANI non BESTIE.. So che non mi ascolterai perché non si può mai capire se non ci sono i fatti .. Grazie

  9. Elvira De Paola

    Una domanda: Come mai nella nostra Regione i costi alla pompa sono i più cari d’Italia? Notizia statistica di questi giorni. Forse perché la carica la paghiamo indirettamente noi utenti?

  10. Dome Nico

    Per la cronaca: nel mondo ci sono solo 2 tipi di ignoranti, quelli coscienti e quelli incoscienti…. ora tocca a ciascuno capire a quale delle due categorie si appartiene. Poi gli italiani in generale sono un popolo un pò più egocentrico e frustrato rispetto ad altri popoli europei, è una nostra peculiarità, sempre alla plebe il giudicare tale una caratteristica positiva o negativa. Comunque sia un dato di fatto é che si possono leggere 10 libri al giorno ma bisogna analizzare che tipi di libri si leggono e soprattutto la sostanza che il lettore capta da questi libri… a volte meglio sarebbe stare in panciolle sul divano…

  11. stefania

    Carla,so che ti brucia.Noi non leggiamo i libri cartacei, ma scarichiamo da internet i libri che ci interessano direttamente sul nostro tablet. Povera devi aggiornarti, vedo che stai un po indieto con i socia….

  12. Buona serata sono una cittadina di Lavello provincia di Pz scusami ma quando arriva la ricarica idrocarburi sarebbe l ultima perché poi la carta sarà sostituta dalla carta si mi farebbe piacere se mi dicessi qualcosa in proposito ti ringrazio e buona serata

  13. Buona giornata Claudio mi hanno detto che non avremo più ricariche e si passerà subito alla Social Card e io che speravo nel bonus perché ho un bambino che non sta bene e dovevo accompagnarlo in ospedale e siccome dove deve andare e fuori mano cioè non ci sono mezzi pubblici per poterci arrivare. E piccolo ha solo 7 anni .comunque se mi vuoi far sapere qual cosa grazie e scusa del disturbo

  14. Giuseppe

    Dovremmo muoverci in massa x protestare contro il ns.malgoverno ma, noi siamo buoni solo a parlare e criticare, intanto loro continuano imperterriti a curare i propri interessi infischiandosene di noi tutti che lottiamo x la sopravvivenza. Questo vale anche e soprattutto x chi gestisce la ns. regione. Spero che anche altri condividano il mio pensiero.

  15. vincenza

    Ciao Claudio….volevo sapere se la carta può essere usata solo in Basilicata o su tutto il territorio nazionale …grazie

  16. Latronico Giuseppe

    Non ho ricevuto ancora il bonus idrocarburi 4atrance, ho fatto vari reclami ma nessuno mi risponde per spiegarli il motivo , , acome faccio a sapere il problema perché non ricevo? Grazie

  17. Latronico Giuseppe

    Se qualcuno non riceve il bonus non informano del problema per fare reclamo cosi restano nelle casse e qualcuno ne beneficia come spesso accade in Italia e poi non capisco tutti questo ritardi , . Forse aspettano i nostri decessi?

  18. Domenico

    Io vorrei rispondere a tutti quelli che stanno facendo polemiche sul diritto di ricevere il bonus e non, in particolare verso le polemiche fatte tra Lucani e Veneti, io sono di Napoli, ho vissuto a Matera per 4 anni e mi becco il bonus alla grande e me lo godo alla grande.

Rispondi a Elvira De Paola Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *